Questo sito utilizza cookie.
I cookie sono fondamentali per ottenere il meglio dal nostro sito Web, infatti quasi tutti ne fanno uso.
I cookie memorizzano le preferenze degli utenti e altre informazioni che ci aiutano a migliorare il nostro sito Web.

Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa Cookie.

Clicca su accetto per proseguire la navigazione, cliccando su un qualunque elemento sottostante acconsenti comunque all'uso dei cookie.

Premi

Di seguito potete leggere tutti i premi letterari che sono stati conferiti ad Angelica Piras durante la sua carriera artistica come poetessa sarda:


  • 2017

    Menzione d'onore a Iglesias con la poesia: Sogni di carta

    Sogni di carta

     

     

    Ci sono

    sogni di carta

    sopra questo cielo

    di stelle sciupate,

    ma il brillio dei tuoi versi

    fragranti di olivastro

    e di lentischio antico

    danno luce

    a pensieri stanchi.

     

    Ci sono omaggi

    come semine rigogliose

    a inseguire e dissetare

    labbra assettate di poesia

    e ci sono fiori

    a invaghire

    corolle di sole

    tra le tua mani di Poeta.


    Nella stanza ammuffita

    folate di te

    mio operaio di vita

    e ancora quei

    sogni di carta

    ad profumare

    l’insostenibile

    silenzio di me.

  • 2017

    Menzione d'onore a Ozieri Premio Logudoro Poesia: Unu basidu profumau de arrosa

    Unu bàsidu profumau de arrosa                                    Un bacio dal profumo di rosa

     

    Adìtziu adìtziu, sceti unu bàsidu profumau de arrosa  A malapena solo un bacio profumato di rosa                           

    in custu tretu de vida.                                                   in questo percorso di vita.                                 

    Po tui babbu adorau tengu càntigus de dolori              Per te papà adorato conservo canti di dolore

    ma no ti lassu in cussa babaieca mala,                          ma non ti lascio in quella rupe assassina 

    t’ ingollu a coddu e seu innoi po tui.                             ti porto sulle spalle e sono qui per te.

                                           

    S’assèntzia tua est un’umbra presonera                       La tua assenza è un’ombra carcerata

    chi trumentat s’ànima.                                                  che tormenta l’anima.

    Sa vida traitora m’at furau s’amori tuu,                 La vita impostora mi ha defraudato del tuo amore,

    ma deu filla de su perdonu                                            ma io figlia del perdono

    apu costruiu po nosu unu giardinu froriu.                      ho costruito per noi un giardino in fiore.

                                                

    Babbu miu caru, ses aintru su coru miu                         Papà caro, sei dentro al mio cuore

    e no sciu donai atru nòmini                                            e non so dare altro nome

    a custu sentidu asulu chi prèniri sa vida.                       a questo azzurro sentire che riempie la vita.

    C’est unu bisu chi benit a m’agatai dònnia noti          C’è un sogno che viene a trovarmi ogni notte

    po m’arregalai unu lentzolu de luxi e paxi,                    per regalarmi un lenzuolo di luce e pace,

    est cussu bàsidu profumau de arrosa…                          è quel bacio profumato di rosa

    ma est marigosu, poita allestru pigat su bolu             ma è amaro, perchè prende il volo troppo presto

    lassendimì a sola                                                            lasciandomi sola

     

    Seu filla de su perdonu,                                                 Sono figlia del perdono,

    ma s’amori tuu est totu cussu                                        ma il tuo amore è tutto quello

    chi mancat de prus a sa vida mia.                                   che manca di più alla mia vita.

    Adìtiziu adìtziu arregordu                                              A malapena ricordo

    cuddu bàsidu profumau de arrosa,                                 quel bacio profumato di rosa,

    arrichesa manna chi m’est abarrat                                 grande ricchezza che mi è rimasta

    po fait de su perdonu ingiassu de salvesa.                    per fare del perdono varco di salvezza

                                                          

     

  • 2017

    Menzione d'onore a Bonorva concorso Paulicu Mossa poesia: Una paxi noa

    Una paxi noa                                                              Una nuova pace

     

     

    Si frùngit custa peddi imbeciada                                S’increspa questa pelle invecchiata

    e su coru imboddiacau                                                e il cuore accartocciato

    prangit làmbrigas de sànguini.                                    versa lacrime di sangue.

    Non bollu intendi prus                                                Non voglio più ascoltare

    su carraxu  amachiau                                                   il rumore impazzito

    de custu celu inchietu.                                                di questo cielo inquieto.

    Bollu pensai a una trassa incantadora                        Voglio pensare ad un’accattivante sotterfugio

    po mudai su nieddu in asulu,                                      per mutare il nero in azzurro,                             

    tandu pigu una bèrtula                                                allora prendo una bisaccia

    prena de disìgius cuaus                                               traboccante di bramosie celate            

    e m’aprontu a  una fuera in mesu a sa Natura.           e preparo una fuga in mezzo alla Natura

    Unu soli sonnigosu                                                     Un assonnato sole

    mi nd furat po unu sulidu                                            mi rapisce per un soffio

    de sa malesa                                                                dalla cattiveria                                   

    de custu mundu chene amori.                                     di questo mondo senza amore.

    Crocada asuta una mata de olia                                  Sdraiata  sotto un olivo

    mi pongu a sfrigongiai                                                strofino tra loro

    bisus e disìgius,                                                           sogni e desideri,

    un’ imbriaghera chi mi spollat                                    un’ebbrezza che mi spoglia

    de dolu mannu.                                                            dal grande dolore.

    Su coru miu tèniri abisòngiu                                       Il mio cuore necessita

    de mudesa paxiosa                                                      di silenziosa quiete                                                  

    po torrai a èssiri                                                           per essere di nuovo

    sa meri de s’asullu.                                                      la padrona dell’azzurro.

     

    Toccat a fastigiai su bentu                                           Bisogna corteggiare il vento

    allupau de spantu                                                         affogato d’incanto

    po prèniri d’assèlliu sa noti                                          per riempire la notte di serenità

    e torrai a gosai de paxi noa.                                         e godere ancora di una nuova pace.

     

     

     

     

     

     

     

     

  • 2017

    3° premio al concorso di Posada con la poesia S'amori po tui

    S’amori po tui                                                                Il mio amore per te

     

    S’amori po tui                                                                Il mio amore per te

    imbòddiat atzas de peddi imbeciada,                             avvolge lembi di pelle invecchiata,

    e torru a nasci in s’arrespiru de su bentu.                      e risorgo nel respiro del vento.

    Una Jana besidadora                                                     Una fata sognatrice

    ingurtit tristuras e mudesas                                            ingoia malinconie e silenzi

    e s’acabu totu si fait colori.                                           e finalmente tutto si fa colore.

    Sùlidus de sentidus cuaus                                             Soffi di pensieri celati

    faint bolai sa jana d’asulu bestia,                                  fanno volare la fata vestita d’azzurro,                     

    issa incìngiat una gunnedda arrandada                         lei indossa una gonna ricamata

    cun steddus e arrastus de luxi.                                      con stelle e impronte di luce.

    Po fai bolai disìgius cuas                                              Per far volare desideri nascosti                                                                                                                    

    tot’in d-unu,                                                                  all’improvviso,

    donat una sbentulada de gunnedda                               agita la sua sottana

    faendi boligiai                                                               riuscendo a far volteggiare

    a pitzus de sentidus nieddus                                        sopra neri pensieri

    stìddius manciaus de spantu                                         gocce macchiate d’incanto

    e totu si fait poesia.                                                       e tutto si fa poesia.

    Fadiada de curri avatu                                                  Stanca di correre dietro

    a mustaionis a faci manna                                             a sfrontati fantasmi

    chi cicant de fai arrogu s’ànima,                                   che provano a ridurre in briciole l’anima,

    mi pongu a spibionai sa vida mia.                                 mi metto a sgranellare la vita.

    Po bivi baddendi                                                           Per vivere danzando

    bollu imbentai una prenda ‘e celu                                 voglio inventarmi giorno dopo giorno

    dònnia dì                                                                       un gioiello di cielo

    poita ca s’amori po tui                                                  perché il mio amore per te

    terra mia stimada, est arrichesa manna                         terra amata, è sconfinata ricchezza

    chi m’arregalat assèliu, bellesa e spantu                      che mi dona quiete, bellezza e incanto

    capassi de morigai e imbriagai                                     è ha il potere di rimestare e inebriare

    su scuriu de su coru miu.                                               il buio del mio cuore.

     

  • 2016

    Menzione d'onore a Siniscola

    Menzione d'onore al concorso poesia: Viniscola con una poesia dedicata al nostro buon vini

    https://www.luigiladu.it/notizie/notizie201.htm

  • 2016

    8 marzo il premio Donna coraggio dell’anno ad Angelica Piras

    L'associazione: Io non ho paura di Iglesias mi ha attribuito il premio: Donna coraggio dell'anno

    Mentre la Presidente dell'associazione Io non ho paura, l'assessore Alessandra ferrara e l'artista Francesco Cau mi consegnavano il premio, le gambe tremavano, la voce traballava e il cuore batteva all'impazzata.

    Un'emozione troppo grande, con quell'esilarante profumo d'azzurro capace di riempire quelle profonde crepe.

    Ho ricevuto oltre un bellissimo mazzo di fiori e un'opera meravigliosa in legno di noce dal titolo: la ballerina, dell'artista Francesco Cau,

    Ho letto una delle mie poesie: Avrei voluto per te contenuta nel mio libro: regina delle ombre "in asulu bisendi", dedicata alla mia mamma, mi ha accompagnato nella lettura l'amico cantautore e musicista Marco Floris con uno dei suoi bellissimi e delicati brani.

    Questo premio lo dedico a tutte quelle donne che hanno il coraggio di rompere quel silenzio, che è capace di uccidere più della morte stessa.

    A tutte le donne che con coraggio prendono consapevolezza dei propri limiti, cercando risorse e strumenti per distorcere un percorso già segnato.

    A tutte le donne che combattano per il futuro dei loro figli e per la loro serenità.

    A tutte le Grandi Donne capaci di ribellarsi alla violenza, a qualsiasi violenza, anche a quella che non tocca direttamente loro, perchè la violenza va sempre contrastata e condannata.

    A tutte Le Donne che credono nel movimento della vita

    A tutte le Donne che sanno sorridere. Non tutte hanno questa potenzialità, spesso si ride, ma saper sorridere non è da tutte.

    A tutte le Grandi Donne e a tutti i Grandi Uomini.

  • 2015

    Menzione speciale alla 14° Concorso di poesia inedita di Monserrato

    L'Associazione Culturale G. Verdi, con l'intento di promuovere e divulgare l'espressione poetica,

     

    bandisce e organizza il 14° Concorso di poesia inedita in lingua italiana.

     

    La premiazione sarà allietata da un momento musicale, che vedrà l'esibizione del giovane pianista Alessandro Mezzorani.

     

    La mia poesia: Lingue di fuoco azzurre, premiata con una menzione speciale per la qualità dell'elaborato.

    Lingue di fuoco azzurre.

    Rimasi in silenzio
    e sentii,
    il tuo calore denso
    riempire i solchi
    della mia tristezza.

    Il profumo della mia pelle
    inebriò la stanza grigia
    e la brace del mio corpo
    sciolse i nodi del tuo cuore.

    Si sprigionarono
    lingue di fuoco azzurre
    in grado di unire
    il tuo respiro al mio.

    Un amplesso
    quell’ abbraccio interminabile,
    una danza di sensi
    capace di spianare
    un’anima sgualcita.

    Angelica Piras

  • 2015

    2° premio al Premio laguna XXII edzione

    Secondo posto alla XXII edizione del concorso letterario Premio Laguna con la poesia : Vita sfogliata

  • 2015

    1° Posto al premio Parole su pietra di Narcao

    1° Posto al concorso letterario: Parole su pietra organizzato dall'associazione Nulacadu, per la poesia Isola azzurra
    Poesia incisa su una pietra che verrà posizionata in una piazza al centro di Narcao

    Emozione bellissima vedere i propri versi incisi su una grande pietra, che resisterà al tempo.

    Grazie

  • 2015

    3° Posto al premio Montanaru di Desulo

    Con la poesia: Bisu de bisai 3° posto al concorso letterario: Montanaru di Desulo
    Grandissima emozione e onore far parte della rosa dei premiati.



  • 13
    mag
    2017

    "Il maggio dei libri 2017" Equilibri Elmas

    L’appuntamento è per sabato 13 maggio 2017 in Piazza di Chiesa a Elmas, dalle 17 alle...

    12
    mag
    2017

    Partecipazione al reading" La voce delle donne nella poesia" Osservatorio della poesia Italiana e sarda

    LA VOCE DELLE DONNE NELLA POESIA
    READING E 
    OSSERVATORIO DELLA POESIA ITALIANA E SARDA
    26
    dic
    2015

    14 mie poesie inedite ispirate dalle note del nuovo meraviglioso cd di Lorenzo Pescini

    Finalmente esce "Piano di Fuga" il terzo album di Lorenzo Pescini, pianista compositore...