Questo sito utilizza cookie.
I cookie sono fondamentali per ottenere il meglio dal nostro sito Web, infatti quasi tutti ne fanno uso.
I cookie memorizzano le preferenze degli utenti e altre informazioni che ci aiutano a migliorare il nostro sito Web.

Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa Cookie.

Clicca su accetto per proseguire la navigazione, cliccando su un qualunque elemento sottostante acconsenti comunque all'uso dei cookie.

Io sognavo un altro mondo

Io sognavo un altro mondo


Tutto diviene più complesso quando hai la visione di un mondo che non esiste.

Io sognavo un altro mondo

Oggi non reggo la zavorra nera di questi sguardi letali
vestiti di pseudo normalità,
investe la mia celata follia
sbaragliando la pazienza e la tolleranza.
Non reggo tutti questi corvi che gracchiano
discriminando altri esseri, solo perchè diversi da loro,
ma questa presunzione marcirà e si farà erba
per ricoprire la loro tomba vuota.
Io che sognavo un altro mondo ti chiedo,
chi sei tu, con la tua ignorante normalità
che sgrani gli occhi addosso al disagio interiore?
Chi sei tu, che rigurgiti fiotti d' intolleranza?
Vene ricolme di rabbia ribolliscono
per l'ignoranza che taglia,
per l'alterigia ottusa che ride senza però saper sorridere
e che non sa godere di piccoli impercettibili brividi.
Lo stridere dei denti riempie
la mia bocca piena di schiuma
e un pianto consumato mi fa ricordare
di quanto sia stata fortunata
nell'essere riuscita a camminare
tra le spine dell'angoscia
senza divenire pietra,
urlo in silenzio con un dolore senza voce,
lo stesso dolore sommesso
che ritrovo negli occhi, di chi difendersi non sa.
Non tutti si soffermano a riflettere
che un giorno non lontano
potremo trovarci di fronte a una coltre di densa bruma,
capace di cancellare ragioni, ricordi, affetti
e portarci in quel vortice buio senza più ritorno,
e trovarci davanti il bastardo ignorante che in passato
siamo stati:
che ride, deride, insulta, discrimina,
capace di uccidere con queste armi
che imbrattano sentimenti e dignità.
Privilegio di tanti, trovarsi dall'altra parte del selciato
dove tutto è colore e calore,
peccato che spesso ci si dimentica dell'essere fortunati,
che solo per ora ci fa stare tra la pseudo normalità.
Io che sognavo un altro mondo
porto nel petto un sigillo di dolore,
per tutto questo assordante gracchiare
che trasfigura il vero senso del rispetto alla vita.

Angelica Piras.

Io sognavo un altro mondo Poesia tratta dal libro: Regina delle ombre "In asulu bisendi" Amicolibro editore 7 nov 2014
Autore
Note alla poesia
Condividi


13
mag
2017

"Il maggio dei libri 2017" Equilibri Elmas

L’appuntamento è per sabato 13 maggio 2017 in Piazza di Chiesa a Elmas, dalle 17 alle...

12
mag
2017

Partecipazione al reading" La voce delle donne nella poesia" Osservatorio della poesia Italiana e sarda

LA VOCE DELLE DONNE NELLA POESIA
READING E 
OSSERVATORIO DELLA POESIA ITALIANA E SARDA
26
dic
2015

14 mie poesie inedite ispirate dalle note del nuovo meraviglioso cd di Lorenzo Pescini

Finalmente esce "Piano di Fuga" il terzo album di Lorenzo Pescini, pianista compositore...