Questo sito utilizza cookie.
I cookie sono fondamentali per ottenere il meglio dal nostro sito Web, infatti quasi tutti ne fanno uso.
I cookie memorizzano le preferenze degli utenti e altre informazioni che ci aiutano a migliorare il nostro sito Web.

Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa Cookie.

Clicca su accetto per proseguire la navigazione, cliccando su un qualunque elemento sottostante acconsenti comunque all'uso dei cookie.

Un passo verso il nuovo sogno

Un passo verso il nuovo sogno


9 aprile 2016

Buon sabato a tutti
Il mio prossimo libro è custodito nel mio armadio dal profumo di cedro e nel mio albero capanna, aspetta solo la mia sosta per proseguire in questo eccitante cammino.
Tante pagine da scrivere e costuire.
Complesso ora riuscire a mettere i pezzi al posto giusto, ma arriverà quel sogno, mi prenderà per mano e sarà magia...
Intanto le mie compagne di viaggio non mi lasciano mai sola: una penna, il mio diario, il mio albero e la musica del Maestro Lorenzo Pescini Compositore.

www.pescini.com
Vi lascio una delle opere di Lorenzo e un passo del mio ipotetico prossimo libro.

La polvere e il disordine sovrastavano tutto, tranne la sua determinazione.
La camera era diventata un unico grande e famelico acaro, si nutriva di sensi di colpa e rincorse.
Aveva altro da fare.
Quelle storie vivevano dentro, non le davano pace, doveva aprire le prigioni per venire allo scoperto.
Coabitare insieme a tutte quelle storie era una lotta continua, era faticoso convivere tra ragione e follia.
Ma sono proprio quei palpiti rigonfi di passione, romanticismo, dolore, che riuscivano a tenerla in vita.
Luci e ombre si susseguivano per colorare quel buio interiore.
Dare vita a quelle emozioni, rimaste incastrate nel viaggio intorno al tempo, era diventato una priorità.
Spesso si ritrovava sola ad ascoltare quella prorompente voglia di scrivere.
Arrivava all’improvviso, violenta, inarrestabile, gli acari, suoi peggiori nemici si armano provando a ingoiare tutto, anche i sogni.
Ma la Regina delle ombre, non rimaneva per molto legata a quelle catene.
Ella navigava a vista, il suo amato albero, con i suoi verdi ansimi, la notte la chiamava a sé,
abbracciato alla luna, aspettava pazientemente l’approdo della sua Musa.
Ella aveva un profumo capace di stregarlo.

Sospirato approdo

Sul tuo petto silenzioso
ho posato l’ombra del mio sapore,
traccia indelebile del mio vagabondare.

Mentre viaggio nel sogno,
mi sdraio sulla tua calda pelle
trasuda di gocce azzurre
disegnando la linea del tempo
che più… non esiste.
Sui tuoi verdi ansimi
ho impregnato gli innumerevoli
sapori selvaggi,
capaci di smussare gli angoli
delle ragioni assassine.

La bocca ti chiama
e ti cerco in ogni angolo di luce,
tu affamato aspetti
il sospirato approdo
del mio cuore sul tuo..

Angelica Piras




30
giu
2018

Presentazione: Regina delle ombre a Laconi a cura del giornalista Maurizio Melis

Presentazione libro: Regina delle ombre "In asulu bisendi", 30 giugno ore 21.30

"LIBER"...

26
dic
2015

14 mie poesie inedite ispirate dalle note del nuovo meraviglioso cd di Lorenzo Pescini

Finalmente esce "Piano di Fuga" il terzo album di Lorenzo Pescini, pianista compositore...