Questo sito utilizza cookie.
I cookie sono fondamentali per ottenere il meglio dal nostro sito Web, infatti quasi tutti ne fanno uso.
I cookie memorizzano le preferenze degli utenti e altre informazioni che ci aiutano a migliorare il nostro sito Web.

Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa Cookie.

Clicca su accetto per proseguire la navigazione, cliccando su un qualunque elemento sottostante acconsenti comunque all'uso dei cookie.

Ricorrerò alla mia empatia emozionale per scrivere di loro

Ricorrerò alla mia empatia emozionale per scrivere di loro


10 dicembre 2015

Sono certa che se le persone conoscessero meglio se stessi, sarebbero decisamente più felici.
Invece da ogni parte mi giri, vedo persone con problemi, senza che loro che abbiamo consapevolezza. Persone che oltre rovinare la propria esistenza, rovinano anche quella di chi gli vive intorno.

Non si rendono conto, di quanto la vita possa resituirgli quella felicità violata. Povere anime perse.

Come dice Goleman, se si avesse più coscienza delle proprie emozioni, anche di quelle, dette negative,potremo sperare in un futuro decisamente migliore.

Infatti ho smesso di essere buona per forza e di giustificare sempre tutto e tutti, imparando a dare la giusta connotazione alle persone, senza per questo sentirmi in colpa. Adesso sono capace di dire a me stessa, ad alta voce, cosa provo realmente di fronte a vari comportamenti altrui: “rabbia. disprezzo, pietà, dolore, ecc. ecc.

Per fortuna, nonostante abbia conosciuto la cattiveria e l'invidia di molte persone, non sono stata contaggiata da queste terribili malattie, capaci di rabbuiare la bellezza della vita. Spesso ho avuto difficoltà a fronteggiarle, ma poi ho ceduto alla realtà, esistono, fanno parte di questo grande contenitore che è la vita.
Però ho avuto l'umiltà di chiedere aiuto per distanziarli, per non giustificarli, per non trovare sempre il lato buono in loro, per non vedere la loro infanzia infelice, per eliminarli per sempre dalla mia vita e specialmente mi sono fatta aiutare per allontanare quei sensi di colpa, capaci di distorcere la realtà.

Detesto i buonisti

Il mio vissuto non mi avrebbe di certo aiutato ad essere la Donna forte e fortunata che sono oggi, se non avessi avuto la consapevolezza delle proprie emozioni, se non avessi avuto il coraggio di mettermi a lavorare sui miei limiti, sarei stata solo la bambina infelice.

Invece ho voluto fortemente diventare Donna

Gennaio sta per arrivare, dedicherò ogni giorno, parte del mio tempo per scrivere il prossimo libro. Partirò sempre da quella Regina delle ombre e racconterò storie che quelle persone non hanno il coraggio di dire neanche a loro stessi.

Non sarà semplice, ma come sempre mi farò aiutare, da soli non si va da nessuna parte, e io ho la fortuna di non essere mai sola, per questo la mia vita è ricca e colorata.

Sarà un duro lavoro, dovrò ricorrere all'empatia emozionale, leggere e ancora leggere tantissimo
Potrebbe anche rimanere solo un sogno, ma i sogni servono per andare avanti con l'azzurro nel cuore.

Amo sognare mi tiene legata a questa meravigliosa vita.

 

 




26
dic
2015

14 mie poesie inedite ispirate dalle note del nuovo meraviglioso cd di Lorenzo Pescini

Finalmente esce "Piano di Fuga" il terzo album di Lorenzo Pescini, pianista compositore...