Questo sito utilizza cookie.
I cookie sono fondamentali per ottenere il meglio dal nostro sito Web, infatti quasi tutti ne fanno uso.
I cookie memorizzano le preferenze degli utenti e altre informazioni che ci aiutano a migliorare il nostro sito Web.

Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa Cookie.

Clicca su accetto per proseguire la navigazione, cliccando su un qualunque elemento sottostante acconsenti comunque all'uso dei cookie.

Io sognavo un altro mondo

Io sognavo un altro mondo


10 luglio 2015
Spesso mi chiedo, come sia possibile vivere in questo mondo? Certo la mia domanda è da attibuirsi a una sorta di mal di vivere, e perchè nasconderla?
Perchè nascondere che ogni volta che sento o leggo notizie come tante di oggi, di ieri e del domani, mi senta sventare dentro e ho paura, troppa paura del mio stesso star male, del mio non volere sapere, della difficoltà a saper affrontare questa vita, nonostante abbia dimostrato grande forza e coraggio in questi anni vissuti.
Ho paura del dolore che sento anche attraverso gli altri, ho terrore di quel senso di empatia che mi devasta, è un mondo ormai perso delle sue vie intrise di sterco e odio, un labirinto senza uscita.
Io ho paura di questo labirinto, troppa paura, da non poterla descrivere.
Ma si può sfuggire ?
No non si può
e allora rimango qui, attaccata a quel filo che mi permette di respirare e di sopportare la bruttura del mondo.
Mi spaventa la cattiveria della razza umana, mi spaventa il mio distacco dal mondo, mi terrorizzano i miei pensieri e la paura della paura.
Eppure questo tempo che ci rimane da vivere qui, in questa meravigliosa vita, potrebbe essere decisamente più leggero, più colorato, se ognuno di noi usasse il proprio tempo e il proprio cuore per ornarsi la vita di bellezza e amore, invece no, tutti a giudicare le scelte altrui, tutti a criticare e a condannare la diversità, che invece è ricchezza, tutti a usare il proprio tempo breve per far germogliare odio ...
A cosa porta tutto questo?
Tanto alla fine ognuno di noi ,andrà a riempire quella fredda bara vuota.
La studipità della razza umana è senza fine.
Io sognavo un altro mondo e continuerò a farlo dei miei deliri, del mio mal di vivere, io che amo questa vita meravigliosa, io che combatto da sempre contro le mie ombre,spesso mi trovo disarmata davanti al fragore di tutti questi orrori.
Devo lavorare ancora di più, per smontare quel mio delirio d'onnipotenza, quella sprezzante presunzione e quella stolta visione di un mondo che purtroppo non comprende.
 
https://www.youtube.com/watch?v=fou8GE1BYUU



13
mag
2017

"Il maggio dei libri 2017" Equilibri Elmas

L’appuntamento è per sabato 13 maggio 2017 in Piazza di Chiesa a Elmas, dalle 17 alle...

12
mag
2017

Partecipazione al reading" La voce delle donne nella poesia" Osservatorio della poesia Italiana e sarda

LA VOCE DELLE DONNE NELLA POESIA
READING E 
OSSERVATORIO DELLA POESIA ITALIANA E SARDA
26
dic
2015

14 mie poesie inedite ispirate dalle note del nuovo meraviglioso cd di Lorenzo Pescini

Finalmente esce "Piano di Fuga" il terzo album di Lorenzo Pescini, pianista compositore...