Questo sito utilizza cookie.
I cookie sono fondamentali per ottenere il meglio dal nostro sito Web, infatti quasi tutti ne fanno uso.
I cookie memorizzano le preferenze degli utenti e altre informazioni che ci aiutano a migliorare il nostro sito Web.

Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa Cookie.

Clicca su accetto per proseguire la navigazione, cliccando su un qualunque elemento sottostante acconsenti comunque all'uso dei cookie.

Il mio azzurro

Il mio azzurro


14 novembre 2014

Mi sono vestita d'azzurro e vado a passeggio nelle vie tortuose della vita, parlando d'amore.

Ho scelto di vivere con quella sensazione che mi faceva compagnia anche da piccola. Cioè, corteggiando i sogni e credendo nel movimento della vita.
So di non essere capita la maggior parte delle volte, ma la mia visione del mondo è generata dalle mie stesse ombre, che conosco benissimo.

Ho conosciuto il male, l'odio, il terrore e l'orrore.

Ho imparato con il tempo, a colloquiare con loro, senza averne più paura, senza avere il bisogno di scacciarle via.

Faccendo così, ho creato intorno a loro, un alone azzurro, con il potere di riuscire dentro le mie stesse ombre a riconoscere quelle degli altri.

Ho odiato la vita per poi arrivare ad amarla infinitamente.

Con essa, ho attraversato colline di fango, affondando spesso, ma forse anche grazie ad aver toccato il fondo, ho avuto la forza di reagire e desiderare qualcosa di speciale per essa.
Io credo ancora nella mia visione azzurra, l'energia positiva è capace di ammantare il buio.

Ne ricevo beneficio ogni giorno. Sono ricca di doni senza eguali.

Vincerò sempre io la partita con lui.

Ho un segreto tra le mani, capace di portarmi lontana, vige nel mio mondo di sogni azzurri. Ma non sono solo sogni che rimangono immobili ad aspettare.

Sono sogni che gravitano intorno a quelle ombre, quasi come una danza ammaliante, capace di drogare le ragioni e le stesse ombre ballano senza sosta, facendomi vivere sempre con quella sensazione di attesa, di sorpresa, riuscendo ad emozionarmi e a regalarmi ancora quel sorriso macchiato d'incanto.
Si voglio vivere così, trasmettendo a chi ruota intorno alla mia vita, che è possibile raggiungere quella meta azzurra, perchè questo potere, sta solo nella nostra certezza di poter vivere una vita migliore.

Io un giorno ho incontrato l'azzurro, mi ha reso così felice, che ho scelto di farne il mio vestito di vita.

Perchè mi sono resa conto, che il mio cuore ha bisogno di quiete e amore per continuare a battere.

Ha bisogno di donare per reggere il peso della quotidianetà.

Semplicemente ho scelto di vivere con la bambina che vive in me.

Forse se ogni adulto, avesse il coraggio di conservare nel suo cuore quell'animo bambino che gli è appartenuto, capirebbe tante cose e non perderebbe il contatto con se stesso, riducendo la sua vita a una giostra arruginita.
Io voglio una vera giostra che sia in grado di girare forte, da farmi inebriare, voglio vedere il mondo girare interrotamente e voglio ancora godere delle sue bellezze, delle sue inaspettate sorprese, perchè ho scelto di donarmi la vita.

Angelica

 

 


Il mio azzurro


13
mag
2017

"Il maggio dei libri 2017" Equilibri Elmas

L’appuntamento è per sabato 13 maggio 2017 in Piazza di Chiesa a Elmas, dalle 17 alle...

12
mag
2017

Partecipazione al reading" La voce delle donne nella poesia" Osservatorio della poesia Italiana e sarda

LA VOCE DELLE DONNE NELLA POESIA
READING E 
OSSERVATORIO DELLA POESIA ITALIANA E SARDA
26
dic
2015

14 mie poesie inedite ispirate dalle note del nuovo meraviglioso cd di Lorenzo Pescini

Finalmente esce "Piano di Fuga" il terzo album di Lorenzo Pescini, pianista compositore...